• info@valentinabertelli.it

Archivio dei tag Viaggi

Amici in moto – Cristina

Recentemente mi son sentita chiedere spesso il perché abbia optato per una certa moto, specialmente alla luce di quelle che sono le mie velleità “viaggianti”. A corredo, oltre la curiosità, ne sono piovute varie critiche. Ho risposto abbondatemente, direi, attraverso delle parole che mi sono uscite “di pancia” e non starò a ripetermi.

Effettivamente, però, la stessa domanda l’ho posta spesso anche io ai miei compagni di avventure – fisici e virtuali -. Qual è il criterio con cui si sceglie la moto, ammesso che ne esista uno?

Credo che ognuno abbia, un po’ come per i vestiti, per la casa o per chissà diavolo cosa, un proprio principio ispiratore. O, talvolta, delle esigenze. La stazza fisica, ad esempio, incide. A volte le possibilità economiche o, spero spesso, è puramente amore a prima vista.

In tanti si sono prestati a darmi la propria versione e allora oggi vorrei cominciare con Cristina!

Senza pensarci troppo, ecco cosa mi ha scritto:

Non c’è, forse, un motivo terreno per descrivere quel momento in cui si sceglie la moto su cui poggiare il fondoschiena.

È un po’ come quando, da bambina, ti innamori per la prima volta: ti batte forte il cuore… vorresti stare solo con lei a giocare, a riderci insieme o parlarci. Ti fa sentire viva!

Ecco. Questo è ciò che ho provato mentre cercavo la mia “bimba” su cui saltare in sella. L’ho vista e me ne sono innamorata, come davvero una bambina. Emozione… tanta. Così, quando ho chiesto di provarla, non appena mihanno risposto di sì ho percepito un senso di libertà indescrivibile.

Non solo: anche, finalmente, di realizzazione personale. 

Eh sì. Perché simoleggiava un po’ una rivincita. Significava “sbattere in faccia” a chiunque mi dicesse che non ce l’avrei mai fatta, in quanto donna, che si stava sbagliando (anzi: che si era sbagliato) poiché invece ce l’avevo fatta.

Il giorno in cui l’ho ritirata dal concessionario, ci sono salita su. Ho infilato il casco, infilato i guanti e ho fatto quel magnifico, magico gesto che è girare la chiave. E ho avuto la mia conferma: era lei!

Il rumore, le vibrazioni, la posizione di guida… mi sembrava che non fosse la prima volta, anzi. Quasi come un déjà-vu percepivo tutto come se fosse già – stata – mia.

L’ho provato all’epoca e lo sento tuttora, quando la tiro fuori che sia per una passeggiata tranquilla, un po’ di curve sui passi o un viaggio.

Libertà. Non tutti conoscono il significato, e non mi riferisco al vocabolario, di questa parola. Io sono certa di riuscire a “sentirla”, con la mia Scrambler (Ducati, N.d.A.).

Perché non ci si può sentire liberi senza una fantastica compagna di viaggio. E io mi sento libera grazie alla mia bimba.

 

Cosa possiamo dire ancora… La passione è passione e non si discute. Mai mettere in dubbio l’amore di una donna per la moto, perché potrebbe sempre sorprendervi… E sconvolgervi!!!

Oltre a lei e me, altri amici hanno voluto raccontarsi! Andrea (I e II) e Flo!

Hotel La Radice, Civitanova Marche. Pace e relax

Marzo, 2017.

Avevo un corso di guida in moto da affrontare e avevo voglia di arrivarci riposata. Perciò, “spataccando” su Booking, mi ero ritrovata questo alberghetto in città. Vicino, oltretutto, al luogo del rendez vous del giorno seguente.

 

Marzo, 2018. Il Ritorno.

Esattamente un anno dopo. Stesso corso – livello superiore! – e stessa città. E se squadra che vince non si cambia…

Non ricordavo più il nome dell’Hotel o, perlomeno, non ne ero certa perché la volta precedente ero indecisa tra due o tre e avevo qualche difficoltà a rammentare. Perciò ho contattato la mia amica Lucia e le ho chiesto quale fosse il bar dell’incontro, memore che la ricerca del pernottamento l’avessi fatta proprio in base alla distanza dal locale.

Saputo ciò, bastava fare 2+2, ricerca per zona et voilà: il mio mitico posticino!

Son voluta tornare fortemente qui per varie ragioni.

La prima, da buona motociclista, il parcheggio. Ampio, spazioso, gratuito e riparato; non è un dettaglio da poco per nessuno, ma una moto sparisce con molta più facilità di un altro mezzo e le mie scelte son già, sempre, condizionate da questo (e io viaggio un sacco).

Secondo poi, la pace! Questo hotel a me infonde una tale pace da venirci anche solo per rilassarmi. Certo, di posti forse ben più monumentali o lussuosi o, migliori, ne ho visti ma diamo a Cesare quel che è di Cesare. A La Radice non ho mai sentito un rumore molesto. un rumore qualsiasi! L’acqua è calda, i locali pulitissimi, l’arredamento e i colori riposanti e accoglienti. Il personale, poi, non può che essere il linea con tutto il resto.

Per la seconda volta ho beccato una ragazza dolcissima ed educatissima che si è anche ricordata di me (spero non per antipatia ;P).

Aggiungo pure che un anno fa, avendola a disposizione, mi avevano anche concesso allo stesso prezzo una camera più grande nonché, dato l’arrivo in moto di sera e il mio evidente assideramento – non ero ancora attrezzata bene ai viaggi 365 giorni l’anno, a qualsiasi temperatura – offerto gentilmente alcune tisane calde. Solitamente è un servizio a pagamento, però ve l’ho detto che lì sono accoglienti, no?

Inoltre mi hanno anche tenuto lo zaino dopo il check-in, permettendomi di girare in moto e di imparare senza zavorre sulla schiena, per poi andare a riprenderlo una volta terminata la mia lezione.

E poi, con molto poco, hanno fidelizzato un cliente. So bene che l’intento non era quello, perché era palese la bontà del gesto, tuttavia se non c’è due senza tre, alla prossima tappa giù mi basterà un clic e mi sentirò pronta a partire.