• info@valentinabertelli.it

Archivio dei tag Honda

Amici in moto – Flo

Flo è la terza ad avermi regalato due parole sul perché abbia scelto la sua moto.

(I primi li potete trovare qui: me, Cristina, Andrea)

Ho iniziato da poco a raccogliere testimonianze perché mi incuriosisce sapere cosa muova i miei compagni nei loro acquisti e così, alla fine, eccomi qua!

Ho deciso di comprare la moto e di imparare a guidarla in un giorno, a 31 anni suonati.

Avevo 1000 € a disposizione, pertanto ho preso la prima disponibile… così, è entrata nella mia vita la Rossa: Mary Red. La mia Bandita del ’96, 599cc di ignoranza e gomme dure e lisce come il marmo che non ho potuto neanche cambiare.

Ecco come è cominciato tutto: con il mio migliore amico che l’ha guidata fino ad un parcheggio; poi mi ha spiegato cosa dovessi fare (non sapevo neanche che ci fosse un freno posteriore!) e sono partita.

Me la sono sentita mia? Mai! Ma ho imparato, eccome.

Da lì ho provato da monocilindrici a pochi ronzini a tre cilindri con un intero branco sotto, forse quest’ultima è stata la mia preferita in termini di ciclistica e motore, ma mai mi ha soddisfatto in pieno.

 

La diagnosi: niente più moto

Non ho fatto in tempo a godermi gli anni spensierati che due anni fa, purtroppo, ho ricevuto una notizia che mi ha raggelata. Non avrei potuto più guidare. Le vibrazioni sarebbero state nocive, troppo. Altrettanto dannosi sarebbero stati i movimenti delle mani per raggiungere e per utilizzare le leve. Idem dicasi per il peso della moto… Quindi, per non farmi mancare nulla, ho ereditato da mio padre (vivo, è vivo!) “Paco”! Una Aprilia Caponord ETV, tanto per rispecchiare le indicazioni che mi avevano dato.

 

Paco

Come Pachiderma. Non ero ancora una grande esperta e le condizioni delle mie mani non aiutavano, veramente. La “tigna” però ti fa fare cose assurde. Ti fa andare avanti, portando a superare i tuoi limiti senza nemmeno accorgertene per poi voltarti e realizzare di aver superato ostacoli inimmaginabili.

Ho condotto un mezzo di dimensioni spropositate su strade impensabili, condividendoci per due anni tanti km, anche in solitaria. Addirittura un giorno, on my way to Greece, son volata in terra sulla superstrada scivolando per diversi metri.

Ricordo ancora le mulattiere che ho incontrato in seguito, sbarcata sull’isola, che ho dovuto salire e scendere nonostante un po’ di timore dovuto all’incidente.

 

La mia prima Honda

Dopo questa esperienza ho venduto l’Aprilia, sicura di aver trovato la mia moto. “Tonno” – una Honda Vigor, per l’esattezza! Ne ero tanto innamorata che mio marito, come regalo di nozze, è riuscito a comprarmene una a sorpresa!

Eppure, per la seconda volta, non ho fatto in tempo a pensarlo che… che i dolori si sono intensificati. Forti, sempre più forti mi sembrava mi impedissero di muovermi. Non so se patissi più nelle mani o nell’animo, tanto da pensare – addiritura – di dover abbandonare la mia passione. Definitivamente.

 

Honda NC750X e il cambio DTC

Mentre mi crogiolavo nei miei pensieri, qualcuno mi ha messo una pulce nell’orecchio. Mi si consigliava di provare il cambio DTC della Honda, trovando in me disappunto e disgusto. In realtà ero totalmente ignara di cosa fosse, tuttavia continuavo a rispondere

piuttosto mi faccio il Booster 100.

Testona sì, fino a un certo punto. Così mi sono incuriosita e ho iniziato a leggere e a documentarmi. Insomma, ho studiato così tanto che alla fine mi sono (auto)convinta. E l’ho provata.

 

Il test drive

Il mio approccio non era, sinceramente, molto propositivo!
Ero attanagliata da tanti dubbi stupidi tipo: “ma cercherò la leva della frizione?”, “mi confonderò e farò qualche cavolata?”, “cadrò in rotonda non potendo scalare?”.

Eppure, niente! Non è successo niente di tutto ciò!

La NC750X del 2016 che ho provato è intuitiva, ti anticipa in tutto: quando realizzi di dover scalare hai già sentito un “clac”, che lei l’ha fatto da sola e ti basta accennare l’impostazione corretta per l’ingresso in curva che lei, da brava, fa tutto da sola.

Me ne sono innamorata subito. Al primo minuto di guida, al primo tornante e avrei continuato a guidare per ore, riassaporando quel gusto che avevo ormai perso… Scesa, avevo i lucciconi.

Vibrazioni assenti; la posizione dei gomiti è rilassata: sono distesi quanto basta perché i nervi non mi si acciaccino, ma nemmeno troppo da stancare le spalle e conseguente perdita di sensibilità – che spesso era una sensazione – che invece si riproponeva puntualmente con tutte le altre moto.

Solo chi ha una grande passione può comprendere come, poter ritornare a viverla, possa ridonare il sorriso… E io addesso ne ho uno a “millemila” denti!

La vita è davvero bizzarra. Ti porta a provare qualcosa per necessità e poi realizzi che quel qualcosa, da te tanto osteggiato, non solo si rivela la scelta migliore ma anche una scelta felice!

E ora? Ora non mi resta che riuscire a comprarmela…!

Amici in moto – Andrea

Dopo la mia personale testimonianza, quelle di Cristina e di Flo ecco il primo mammifero maschio ad avermi dato la sua opinione!

Ho conosciuto Andrea perché uno dei cofondatori di uno dei raduni più spettacolari del globo: il Ruotesfonde! Attualmente, purtroppo, in sonno io prego ancora le divinità delle due ruote affinché riescano a ripetersi, nuovamente!

Va beh. Nel frattempo continuo a rompergli le scatole e, da ultimo, proprio ieri… Forse non aveva nulla da fare. Forse, veramente mi vuol bene e tempo zero eccolo qua!

La moto si sceglie con il cuore e non con la testa… io aggiungerei anche con il portafogli.

Quante volte abbiamo sentito questa frase, forse perché è il miglior consiglio che bisognerebbe dare ad un amico che ha intenzione di comprare la moto. Bada bene, ho detto la moto, non una moto, perché appena la porti a casa si instaura un rapporto speciale che la rende unica in mezzo alle altre.

Tralasciando le ginocchia sbucciate per impennare sul portapacchi del “Benellino 50cc” e le notti passate a “smanettare” un Ciao supersonico, la prima moto è stata una Honda NSR 125 SP acquistata a 16 anni spaccati. Non era la più veloce tra le 125 dell’epoca ma era tra le più fighe.

L’Honda stravinceva nel mondiale con Capirossi e Doohan e la mia era la replica di quella che dominava il campionato Sport Production. Era perfetta, affidabile, me la vendettero con lo scarico Arrow e centralina dedicata.

In realtà era un vanto nei discorsi al bar ma nella pratica non superavo comunque i fatidici 30 cavalli. Siamo stati insieme diversi anni e, a parte una innocua scivolata, abbiamo consumato solo gomme e pasta lucidante. Ci siamo separati percheé con il trasferimento per motivi di lavoro non avevo più tempo per usarla e darle tutte le cure necessarie.

Il secondo amore

Dopo una pausa di circa tre anni è arrivata lei, la Shadow. Mi si è aperto un mondo: quello del custom. Negli otto anni che abbiamo vissuto insieme le ho cambiato tutto! Avevo realizzato l’idea di moto che avevo in testa: ruote larghe, cromature luccicanti, scarichi rumorosi ed un assetto da drag-bike più votato ai passi appenninici che ai lungomare affollati.

È stata la moto che ha lasciato il segno… abbiamo vissuto insieme gli anni più spensierati della mia gioventù, quelli in cui non hai una meta ma l’importante è partire. Ricordo ancora i diversi colloqui preliminari con il ragazzo a cui la vendetti, gli occhi lucidi ed i crampi allo stomaco quando la portò via dal mio garage.

E via di “scarenate”…

In quel periodo mi tornarono dei pruriti stradaioli e volevo riavvicinarmi alle moto “stese”. Presi il Monster ma commisi l’errore di prendere il 620, una bellissima moto con molta personalità ma nel mio caso, anche se molto godibile e divertente da guidare, mancava di quella potenza per cui avevo deciso di cambiare genere.

Una scelta sbagliata da parte mia sin dall’inizio, però avevo tenuto in considerazione il fatto che se non mi fossi trovato a mio agio l’avrei potuta rivendere facilmente.

… e il ritorno alle Custom!

Così è stato, l’ho comprata a settembre e rivenduta a maggio dell’anno seguente! Sono ritornato al custom, entrando in un mondo che a mio avviso è uno dei più affascinanti di sempre, il mondo Triumph.

Speedmaster 790 giallo/ nero del 2003 “la giallona”, bicilindrico parallelo da 790cc con due carburatori, il fascino delle vecchie Bonneville con un assetto da cruiser, fasatura a 270^ per rendere il sound unico ed inconfondibile.

Appena acquistata, mi sono sbarazzato di tutti gli accessori inutili e ho cominciato a darle una impronta cafe-racer. Posso dire che avevo trovato la moto perfetta per il mio utilizzo: un motore corposo e sempre pronto, sia per delle “sparate” sull’Appennino che per lasciare qualche striscia di gomma sul lungomare o a qualche raduno.

Con il tempo la famiglia è cresciuta e le occasioni per girare in moto sono calate. Un inverno ho deciso di mettermi a giocare in garage e ne ho fatto una cafe-racer a tutti gli effetti con tanto di semi manubri, serbatoio del Thruxton e sellino a salsicciotti. Una meraviglia a detta di molti, una show Bike a mio avviso. Purtroppo era diventata una moto bella da vedere ma molto scomoda da guidare.
Così ho fatto un annuncio di vendita e l’insistenza di un ragazzo che se ne era innamorato mi ha spinto a cederla.

 

Fine prima parte!

La seconda… eccola!

Motoincontro del Monte Catria

25 \ 27 gennaio 2018. AgnelloTreffen.

Sì, lo so che l’articolo ha un altro titolo ma, invero, tutto parte da qui!

Non avevo mai partecipato a un raduno invernale e quest’anno, complice anche un clima temperato per essere gennaio, avevo deciso di spostarmi e di tentare.

Purtroppo, a causa di un imprevisto, sabato non ho potuto muovermi e pertanto l’idea di salire è sfumata. Tanto più che la mia rossa era – ed è tuttora – nel reparto di rianimazione della mia officina.

Così, pur di sfogare la mia voglia di moto… ho trovato un compromesso.

Il mio compagno mi ha proposto il raduno del Monte Catria che, nonostante forse non raggiunga le dimensioni dell’Agnello, tanto sconosciuto invero non è dato che è alla sua 42^ edizione!

Restava il problema moto. Che io non ami fare la zavorra è risaputo. Che sia pressoché incapace, pure… E così, quel santo uomo, mentre allestiva il suo GS ha ceduto a me il Domi.

Mitico Honda Dominator, classe 1992 – esattamente dieci anni più giovane di me – tirato “rally” e reduce dalla Gibraltar Race 2018, nonché futuro partecipante dell’edizione del 2019!

Insomma, un chicchino che per gli esperti del settore meritava almeno una sosta per rimirarlo e apprezzarne le modifiche.

Io, che di moto non ci capisco granché già con quelle mie o di genere simile, figuriamoci il resto, mi sono prestata a questo esperimento. Col terrore nei polsi!

Scuola guida!

Invero, la sera prima avevo già fatto delle prove nel parcheggio, con l’ansia nel cuore, la tremarella nelle zampe e la vergogna di chi mi guardava con occhio compassionevole! Non che sulla mia rossa possa vantare imprese d’eccezione, ma almeno ho passato la fase “facciamo le figuracce davanti a tutti”. Così, non solo ero a cavallo di un aggeggio a me poco consono, che mi faceva vergognare un po’ al passaggio di tutte quelle belle motine “stese” (carenate), ma incarnavo perfettamente il cliché della donna incapace di andare in moto. E se ci ho messo anni per scrollarmelo di dosso, ora non avevo voglia di arrivare al raduno a stento e tentennando!!!

Va beh. Se “Roma non è stata costruita in un giorno“, arrivare laggiù poteva anche diventare una passeggiata molto, ma molto lenta!

Allons enfents…

Così ho imbroccato la panoramica del monte Ardizio: sei sul mare, parallelo pressoché alla costa… aspettarsi dei bei tornanti è utopia, ma almeno verso la fine – prima di immettersi obbligatoriamente sulla statale adriatica –  qualche curvetta si propone, presentando un panorama sul mare d’inverno che lascia a bocca aperta!

Purtroppo ne è seguito qualche km di rettilineo, che tuttavia mi è stato utile per prendere confidenza con la bestia che avevo sotto il sedere.

La prima svolta sarebbe arrivata a Fano, verso Fossombrone, Niente superstrade, ma una antica via di epoca romana: la Flaminia (che, fantasia vuole, prende il nome da Gaio Flaminio Nepote). Avete presente il detto che “Tutte le strade portano a Roma”? Mbeh, ora sapete perché!

La Flaminia fu fortemente voluta per collegare l’Urbe alla mia Rimini (insomma, al “nord”), proseguendo ancora verso Milano sotto un altro nome, cioè Via Emilia.

Ma a me bastava fermarmi molto prima, possibilmente senza ruzzolareLa geografia non era una priorità, tanto più che seguivo quell’altro e, probabilmente, se avessi saputo prima cosa mi sarebbe toccato, non l’avrei fatto!

Un breve tratto di statale

Di certo una chicca interessante, in realtà, c’è. Laddove io ho deviato per raggiungere il luogo del raduno, si può invece proseguire sulla via maestra che, traversando gli Appennini, congiunge le Marche all’Umbria grazie al passo della Scheggia. Che no, non significa che te lo fai a razzo, ma piglia il nome da un paese che sta lì!

Il mio bisogno di caffè, che cozzava con quello di placare il tremore, ad un certo punto ha preso il sopravvento e così ho fatto una sosta tecnica a Fossombrone. Beh, belli miei… Che sia in moto, in auto oppure in pellegrinaggio, fateci un salto.

Fossombrone è romana anch’essa (Forum Sempronii), ma poverina ha subito più dominazioni lei del Madagascar a Risiko. Ora, non so gli abitanti come l’abbiano vissuta, nel secoli. Ma la città, da un punto di vista storico, architettonico e artistico, è ora una perla da conservare e ammirare. Tra tutto, la Rocca Malatestiana che si erge superba appena fuori il centro abitato, sul tragitto che porta ai monti delle Cesane.

Nonostante una conversione in gita socio-culturale avrebbe potuto ridimensionare il mio percorso, la sfida era in atto.

Ora, lasciandosi la riviera alle spalle e addentrandosi nel cuore del centro Italia, era scontato che dalla piana si passasse ai colli. E colli significa curve. E curve significa…?

Beh, per un momento ho temuto morte certa! Ci ho messo una vita a imparare le traiettorie e la modalità di guida della mia 3×9, che effettivamente ha dei toni bisbetici e ora mi sembrava di essere balzata su una mountain bike. Il mio primo pensiero è stato:

“Come diavolo si fa a progettare una moto col manubrio che si muove?!”.

No, non è che ballasse, ma questa moto ha uno sterzo che… sterza! Al contrario della mia. Più alta, porta a una postura decisamente differente e così, laddove mi veniva di spostare le chiappe che manco Stoner, dovevo invece ricordare che dovevo settare il  mio corpo in tutt’altra maniera.

Ah! Vi pare facile a voi! Forse sì, invece io a quanto pare faticavo a resettare la mente… Ma, tra una preghiera, una sudata, un qualche ciclista probabilmente sfiorato e tanta tigna… A ‘sto raduno ci sono arrivata.

L’ingresso al raduno

Finché, in cima, non ci siamo incolonnati. Un tizio si era frapposto tra me e Luca e non so cosa gli fosse passato per il capo, ma mi esortava a superarlo. Io che mi ero fermata e bloccata, pietrificata, non accennavo a muovermi nemmeno pagata finché quello – forse spazientito – non se n’è andato da sé. Quando Luca è tornato a prendermi, dato che non l’avevo seguito, ho fatto forse la cosa più saggia e pusillanime della giornata: ho messo il cavalletto. Ho piazzato la moto lì e gliel’ho mollata!

Fortuna, per la mia incolumità emotiva, che fossi tra le poche, pochissime donne motorizzate e che, come accennato, quella moto sia talmente “ganza” da aver convogliato tutta l’attenzione su di sé, distogliendola dalle mie maldestre manovre di autoconservazione!

E io, finalmente, ho potuto rifugiarmi nell’unico bar, al caldo, a sorseggiare ancora caffé.

La quota raggiunta non era alta, però il vento era forte, fortissimo tanto da aver ribaltato varie cose – e questo non mi confortava affatto… All’ennesimo suono di roba che si sfracellava, ho guardato il mio ragazzo e gli ho detto testuali parole (un po’ meno dolcemente):

“IO, giù – per le curve, con la neve e la fila – non ci torno! La moto resta qua. O scendi con la tua e risali, a piedi, e porti giù o io, comunque, un modo per tornare a casa lo trovo!”.

Po’rello…

Il vento l’ho sfidato diverse volte e ammetto che se non lo sopporto nemmeno a piedi, figuriamoci in movimento. In moto. E’ una di quelle situazioni che mi spaventano e sapere di non riuscire a toccare bene a terra, con una moto che non conosco, su asfalto scivoloso non era ciò che mi ero prefigurata.

Non sono una mammoletta, ma ci sono giorni in cui osare e altri in cui essere conservativi. E quello, faceva parte dei secondi.

Tanto per farmi dissipare adrenalina, tra una ciarla e una cazzata con amici ritrovati e astanti, sono andata – ma guarda un po’!!! – a mangiare! L’iscrizione prevedeva una lauta colazione, dolce e salata, così ho deciso che dar pace alla panza avrebbe risolto la metà dei problemi. Tra l’altro, tra i souvenir, a differenza di gadgets e cazzabubboli vari che spesso si regalano – e puntualmente si perdono o buttano poco dopo – il motoclub organizzatore ha pensato a delle – ottime pure – piadine! Un pacco di pida, che la sera non ho mancato di addentare nemmeno un leone a dieta da settimane.

Così ne ho approfittato anche per visitare il castello di Frontone, ove appunto si teneva la merenda, e osservare il panorama da ancora più in alto.

E, dall’alto, tutto acquista un altro senso… Io non sono una grande amante della neve, però apprezzo i luoghi (brulli), ameni e fuori dal mondo. E… e lì, ho trovato una risposta a tutte le mie domande. “Perché?!?!?” Perché guidare con incertezza e rigidità, come se non l’avessi mai fatto prima, e il timore di falciare ciclisti o di finire in terra con una moto non mia e a me forse poco congeniale!?!?

Per tutto quello che stava accadendo intorno a me.

Ed è per questo che, non avendo potuto farlo di persona perché si era tutti sparsi e non ne conosco i vertici, non posso esimermi dal ringraziare il Moto Club Ancona “G. Lattanzi” – La Casetta -ASD che imperterrito, con qualsiasi condizione meteo, si prodiga di anno in anno per mantenere viva questa tradizione.

Tradizione che, a pranzo, avrebbe portato a mangiare non so dove.

Io invece ho preferito gozzovigliare ancora un po’ per bearmi della vista… e perché, sulla strada del rientro, non nego che avrei facilmente trovato una qualche altra motivazione per un pit stop.

Il ritorno

Ora. La moto, effettivamente, l’ho guidata sin dai piedi del castello. Forte di un momento di calma apparente, mentre la gente sfollava per rifocillarsi, sono tornata giù.

Non nascondo nemmeno che ho anche confidato in taaaanta tantissima fortuna. Nella probabilità ce a quell’ora le persone fossero a pranzo (tutte, bimbivecchidonneeuomini) e che qualcuno vedesse me prima che io potessi vedere lui per… stracciare un paio di STOP che mi lasciavano un po’ perplessa. E no, non perché dovessi fermarmi, ma perché se l’avessi fatto non avrei toccato a terra! Addirittura, ad un semaforo, avendo messo la moto in folle son rimasta piantata finché il mio fido accompagnatore non è tornato indietro chiedendosi perché non mi muovessi. Insomma: non toccavo con il piede destro perché c’era un lieve dislivello, perciò se l’avessi messo a terra mi sarei sbilanciata e cadere – sulle auto parcheggiate – non ere una priorità.

Sì, lo so che per guidare un mezzo sebbene non si arrivi perfettamente a terra con le zampe il modo c’è, però io quel giorno non ero molto propensa all’apprendimento! E infatti ho continuato a poggiarmi a gradini e marciapiedi, per il divertimento di tutti…

Così, mesta, delusa, incazzata e nervosa – sì, perché avevo il timore di aver rovinato la giornata a lui e perché mai avrei pensato di poter fare tanto schifo! – sono tornata a casa. Viva.

Ma. Ma siccome sono testona. Ma siccome l’offroad inizia a diventare un tarlo. Ma siccome sono provocatoria e capatosta. Ma siccome è diventata una questione personale…

Stay tuned. Che magari la prossima volta ho da raccontarvi qualcos’altro! ;D