• info@valentinabertelli.it

Chi sono

INDOVINA CHI?

Valentina. Una ragazza esuberante! Produco entusiasmo ed adrenalina da venderne… Cosmopolita e viaggiatrice per forza di cose, da quando ero piccina: ovverosia da quando ho iniziato a trasferirmi spesso o ad andare fuori di casa, per le mie esperienze, già a sei anni, sei! Erano semplici corsi di inglese quindicinali, ma io non potevo aspettare i 9 per frequentarli, figurati chi mi teneva!

Poliglotta, adoro comunicare e scrivere: il mio sogno sarebbe, infatti, coniugare l’anima vagabonda, il cuore “bicilindrico” alla grafomania sfrenata.

Dicono sia brava e coinvolgente… e che riesca ad essere persuasiva, ma anche a trasmettere, con poche semplici parole, tutto l’entusiasmo da bambina che mi pervade quando racconto.

Specialmente quando mi si ascolta dal vivo: non sono rari i miei acuti che seguono, di solito, un momento di silenzio durante il quale pare mi sia assopita: la mia mente ha semplicemente rievocato chissà quale ricordo e lo “spara” a N decibel su per le corde vocali!

Ho un sorriso dispettoso. Molto… dispettoso, ma contagioso: empatizzo con i muri, con i grugni più in grugniti del globo ed ho perennemente le labbra inclinate “all’insù”, gli zigomi rossi e gli occhi strizzati, che luccicano come i cartoni animati. Fotogenica (dicono!) e pure un po’ faccia tosta, che non guasta mai. In fondo, chiedere, è la metà dell’avere, no?

Sono anche spartana: oh via, non che non mi garbino le comodità, ma mi adatto a tutto. Un animale, insomma. Il che è molto utile quando ci si sposta senza i maggiordomi al seguito, tanto più in moto.

“Unstoppable”: pensate ad un panzer da sfondamento… Io mi fermo solo se mi annoio o se mi cede il fisico. Fino ad allora, però, vado dritta come un treno e non demordo. Mai.

Curiosa… curiosissima! Da piccina mi avevano battezzata “la signorina perché?” e provate ad indovinare, perché…?!

Insomma: un folletto, un po’ buffo, dicono simpatico ma pure stordito che adora vagabondare per il globo e che riesce ad attirare attenzione, entrando facilmente nelle grazie altrui.